Mi presento

Le basi.
Mi chiamo Cecilia Ricaldone, mi sono laureata in Psicologia clinica all'Università di Pavia nel 2005.
Il mio primo amore è stata la neuropsicologia, indirizzo della prima laurea triennale. Ma non solo, ero affascinata anche dal legame mente e corpo, oggetto della mia tesi alla Laurea specialistica (Immagine del cropo in un gruppo di pazienti con Disturbo alimentare sub clinico).
Ho frequentato il mio primo tirocinio post-lauream, presso un reparto ospedaliero di neuriabilitazione a seguito di gravi traumi cranici. Qui ho avuto modo di vedere in vivo ciò che avevo studiato sui libri, e cioè l'effetto delle lesioni cerebrali sulle funzioni cognitive (linguaggio, memoria, attenzione) e sulla personalità dei pazienti.
Pur essendo (tutt'ora) affascinata da questa branca della psicologia-molto vicina alla neurologia- sentivo il bisogno di allargare le mie vedute e formarmi maggiormente su ciò che comunemente si intende quando si pensa ad uno psicologo, e cioè alla clinca, la parte della psicologia che si occupa della psicopatologia. Ho effettuato allora un tirocinio presso il centro di salute mentale della città in cui vivo, piccolo ma con una grande quantità di pazienti. Grazie alle persone che ho incontrato ho imparato molto, soprattuttto sull'analisi della domanda e sulla gestione del paziente.

Nel frattempo

Lavoravo....come educatrice scolastica, fornendo sostegno a bambini con handicap psichico. Questa esperienza mi ha permesso di cogliere il punto di vista di chi, come insegnanti e genitori ha a che fare quiotidianamente con le difficoltà di un bambino con disabilità, al di fuori di un contesto protetto come lo studio di uno psicologo.

Mi specializzavo ...presso la Scuola di Pscioterapia cognitiva a Torino (Centro clinica crocetta-Dr. Prof. Fabio Veglia) dove ho avuto modo di incontrare grandi maestri e nomi del cgnitivismo italiano, in particolare Giovanni Liotti padre della prospettiva evoluzionista in psicoterapia.
Da qui il mio interesse alla storia d'attaccamento come elemento fondante nello sviluppo della personalità del paziente e alle eventuali condizioni avverse /o eventi traumatici che possono essere alla base delle difficoltà nel presente.

E diventavo mamma, esperienza che più di tutte mi ha permesso di comprendere la straordinarietà dello sviluppo di un essere umano e l'importanza della relazione nello sviluppo della coscienza.

Attualmente

Oggi svolgo la libero professione come psicoterapeuta dell'adolescente e dell'adulto
unendo la passione per la neuropsicologia, occupandomi insieme alle mie colleghe di valutaizone e trattamento di disturbi dell'apprendimento e altri disturbi del neurosviluppo (ADHD autismo ad alto funzionamento)

Centro Penelope , Via Spanzotto n.1 Casale Monferrato

Apprendinsieme, C.sa 100 Cannoni n. 12 Alessandria

e continuo a formarmi, convinta che

Recentemente ho approfondito la fomazione al metodo EMDR (Eye Movement Desensitization Reprocessing), pratica psicoterapeutica d'elezione nella cura del trauma, con diverse evidenze scientifiche e segnalata dalle linee guida delle maggiori associazioni italiane ed internazionali.